«Non litigate almeno durante la Foire». Il vescovo di Aosta ha inaugurato la 1014ª Fiera di Sant’Orso

Don Aldo Armellin, il vescovo, Monsignor Lovignana e Don Alessandro Cavallo

Don Aldo Armellin, il vescovo, Monsignor Lovignana e Don Alessandro Cavallo

L’edizione 2014 della Foire si apre con la “Benedizione di Aronne”, che il vescovo di Aosta Franco Lovignana ha scelto dal libro dei Numeri: sulla scia della benevolenza e della pace è anche il suo augurio, prima della benedizione solenne sugli artigiani che dà il via alla manifestazione. L’invito di Lovignana a sedare contrasti e litigi è molto pressante e fa appello allo spirito di festa, almeno per i due giorni della Fiera di Sant’Orso.
«La preghiera che celebriamo oggi ci fa rivivere l’antica benedizione di Aronne – ha detto alla presenza di artigiani ed autorità – Dio sa che abbiamo bisogno del suo sguardo pieno di benevolenza e misericordia. che molte tenebre riempiono il nostro cuore, molte tenebre affliggono le nostre relazioni sociali. E allora noi chiediamo con fede che il Signore faccia risplendere per noi il suo viso e ci faccia grazia e ci doni la pace. In questi due giorni di incontro e di festa non sprechiamo le migliori energie del nostro cuore. Mettiamoci sotto lo sguardo di Dio e nella gioia della festa apriamoci alla spiritualità, alla fraternità e alla condivisione. Che Dio ci benedica».

L'inaugurazione della 1014ª Fiera di Sant'Orso 

L'inaugurazione della 1014ª edizione della Fiera di Sant'Orso, alla Porta Prætoria di Aosta

 

Vedi le immagini Album »
Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi