A Presezzo, Bergamo, espone Guido Diémoz, l’espressionista del legno

dal 25 aprile al 25 maggio 2014
Palazzo Furietti Carrara
PRESEZZO (BG)

Lo scultore Guido Diémoz

Lo scultore Guido Diémoz

Guido Diémoz, l’espressionista del legno

Venerdì 25 aprile 2014, alle ore 17, presso il Palazzo Furietti Carrara, prestigioso edificio del XVII° secolo, in Presezzo, provincia di Bergamo, è stata inaugurata la personale dell’artista valdostano Guido Diémoz. Le magnifiche sale seicentesche del palazzo che fu della famiglia Carrara, ospiteranno le opere dell’artista del legno valdostano fino al 25 maggio. Le diciotto grandi sculture dell’artista di Doues hanno suscitato l’ammirazione di oltre duecento persone presenti all’inaugurazione.
L’artigiano di Doues è uno dei più importanti interpreti della dimensione artistica tradizionale valdostana e attinge la sua espressività nelle radici esistenziali di una cultura contadina vissuta, autentica e vitale. Le opere dell’artista Guido Diemoz conservano, infatti, il fascino di un mondo di altri tempi e della cultura popolare valdostana, illustrano attimi di vita di ogni giorno, sono in prevalenza dedicate ai personaggi del villaggio alpino, ancora non globalizzato, nei suoi personaggi affiora la fatica del lavoro agricolo e dell’allevamento del bestiame, così come il racconto dei riti religiosi e tradizionali della terra valdostana.
La mostra, realizzata grazie al contributo della Regione Autonoma Valle d’Aosta, Assessorato all’Istruzione e Cultura , del Comune di Presezzo e del Comitato PromoIsola Bergamasca, incaricato della gestione dell’attività artistica e turistica nella provincia di Bergamo, ha visto la presenza, nel primo fine settimana di apertura, di quasi quattrocento visitatori provenienti da tutta la provincia bergamasca. All’inaugurazione della mostra hanno preso la parola l’artista Guido Diémoz, il Sindaco di Presezzo, Giovanni Paganessi, che ha ringraziato l’Assessorato Istruzione e Cultura della Valle d’Aosta per la collaborazione continua assicurata alle sale espositive di Palazzo Furietti, il Sindaco di Doues, Franco Manes, paese natale e residenza dell’artista, che ha evidenziato le doti aristiche del suo conterraneo, ricordando anche come arte e gastronomia, Diemoz ha gestito per quasi venticinque anni il ristorante “Le Bonmegnadzo” di Doues, siano un binomio vincente per attirare un turismo culturale importante per la soppravvivenza delle nostre vallate.

Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi